Per tutta la famiglia

Il paracetamolo è un principio attivo dotato di proprietà analgesiche (combatte il dolore) e antipiretiche (abbassa la febbre).
Può essere utilizzato:
icon

negli adulti

icon

nelle donne in gravidanza
e durante l'allattamento

icon

nei bambini

negli adulti

nelle donne in gravidanza
e durante l'allattamento

nei bambini

Paracetamolo per l’adulto:
come usarlo

Il paracetamolo è disponibile in diversi formati, a seconda del tipo di assunzione che viene consigliata dal medico.

Può essere assunto:

  • per via orale, sotto forma di compresse, capsule, sospensioni, soluzioni

  • per via rettale, sotto forma di supposte.

L’uso di paracetamolo negli adulti serve per ridurre dolori e fastidi, e per abbassare la febbre.

Può essere utilizzato da solo, o associato ad altri farmaci. Rappresenta uno degli ingredienti principali di medicinali contro influenza e raffreddore.

Il paracetamolo può essere assunto sia a stomaco pieno, che a stomaco vuoto.

Prima di scegliere un prodotto a base di paracetamolo, è consigliabile rivolgersi sempre prima al proprio medico o al farmacista, che saprà consigliarvi il prodotto e il dosaggio più adatti. Prima dell’assunzione fare riferimento al foglio illustrativo.

Paracetamolo per l'adulto: come usarlo
Paracetamolo in gravidanza

Paracetamolo in gravidanza:
come usarlo

Il paracetamolo può essere assunto dalla maggior parte delle persone, incluse donne in gravidanza o allattamento.

Il paracetamolo rappresenta un trattamento del dolore e della febbre in gravidanza.

Prima di assumere questo farmaco in gravidanza o mentre si allatta al seno, si raccomanda sempre di consultare il proprio medico, che saprà eventualmente indicarvi il dosaggio più adatto.

CONSIGLI SULLA FEBBRE
E L’INFLUENZA IN GRAVIDANZA

La gravidanza è un momento particolare e prezioso per ogni donna. Un momento dove è importante fare ancora più attenzione alle proprie condizioni di salute e prendersi cura del proprio corpo.

Non è raro, durante la gravidanza, avere un aumento della temperatura corporea. Le conseguenze dipendono dalla durata della febbre, da quanto è alta e dal momento della gestazione in cui si verifica.

La febbre è un sintomo: potrebbe trattarsi di un semplice raffreddore o di altre infezioni. È quindi fondamentale tenere sotto controllo la situazione e rivolgersi al proprio medico per un controllo.

Vediamo insieme alcuni suggerimenti su cosa fare in caso di febbre durante la gravidanza:

  • Bevi molta acqua e riposati.
  • Stenditi a letto, se ti fa sentire meglio, ma cerca di non scaldarti troppo o sudare sotto alle coperte. Scaldarsi eccessivamente in gravidanza è piuttosto facile, e potrebbe essere dannoso sia per te che per il bambino.
  • Se la tua temperatura è intorno ai 38°C, chiama il tuo medico in giornata. Se è superiore ai 39°C, chiamalo subito, potresti avere un’infezione e avere una temperatura troppo alta per un tempo eccessivamente lungo potrebbe danneggiare il bambino.
  • Se si sono rotte le acque e hai la febbre, contatta immediatamente l’ospedale o l’ostetrica: avere la febbre durante il travaglio potrebbe essere dannoso per il bambino, quindi non aspettare. Il medico o l’ostetrica saranno in grado di riportare la tua temperatura a livelli normali.
  • Se la tua febbre è dovuta a un raffreddore, il paracetamolo è la scelta migliore. Assicurati di seguire le istruzioni sul foglietto illustrativo e, in caso di dubbi, consulta il medico.
  • In caso di influenza, consulta il tuo medico per una terapia che riduca i sintomi, come:
    • antipiretici (per abbassare la febbre)
    • analgesici e antinfiammatori (per ridurre il senso di malessere, il mal di testa e i dolori articolari e muscolari)

Visita la sezione CONSIGLI se vuoi saperne di più su come
proteggerti contro raffreddore, influenza e malattie da raffreddamento.

Paracetamolo in bambini
e neonati come usarlo

Il paracetamolo è comunemente utilizzato nei bambini.

Viene usato per ridurre il dolore in molte situazioni, come:

  • mal di stomaco
  • mal d’orecchio
  • mal di testa
  • sintomi del raffreddore

Il paracetamolo nei bambini è usato anche per abbassare la febbre.

Può essere assunto:

  • per via orale, sotto forma di compresse o soluzioni
  • per via rettale, sotto forma di supposte. Le supposte possono essere particolarmente adatte nel caso in cui il bambino abbia difficoltà a ingoiare la compressa o nel caso in cui stia troppo male per assumere il medicinale per bocca.

Per quanto riguarda il dosaggio, è molto importate seguire le indicazioni sul Foglietto Illustrativo o, nel caso di dubbi, consultare il proprio medico.

Il dosaggio dipende dal peso corporeo del bambino, mentre l’età rappresenta solo un fattore indicativo.

Paracetamolo in bambini e neonati come usarlo

CONSIGLI SULLA FEBBRE
IN BAMBINI/NEONATI

Nei bambini di età compresa tra i 6 mesi e i 5 anni, la febbre rappresenta un evento molto comune.

Si può parlare di febbre, nei bambini al di sotto dei 5 anni, quando la temperatura supera i 38°C. Nella maggior parte dei casi, l’innalzamento della temperatura è dovuto a infezioni virali, che provocano anche tosse e/o raffreddore.

Una febbre alta può preoccupare molto mamma e papà, ma di solito i bambini si riprendono in breve tempo.

Si possono seguire alcuni semplici accorgimenti e chiedere sempre consiglio al proprio pediatra.

Per aiutare il tuo bambino a sentirsi meglio in caso di febbre:

  • incoraggialo a bere molti liquidi – allatta regolarmente, se sei in fase di allattamento
  • dagli del cibo solo se lo desidera
  • tienilo sott’occhio per individuare eventuali segni di disidratazione, come bocca secca, assenza di lacrime, occhi infossati e, nel caso di neonati, una riduzione del numero di pannolini bagnati
  • controllalo ogni tanto durante la notte
  • tienilo a casa da scuola finché non si sente meglio
  • non è necessario svestirlo o bagnarlo con una spugna imbevuta di acqua tiepida; alcuni studi hanno infatti dimostrato che questi accorgimenti non sono efficaci per ridurre la febbre
  • evita di avvolgerlo troppo nelle coperte o in abiti pesanti.

Visita la sezione CONSIGLI se vuoi saperne di più su come
proteggerti contro raffreddore, influenza e malattie da raffreddamento.

Le informazioni contenute in questa pagina sono da intendersi a titolo informativo
e non sostituiscono in nessun caso assistenza o consiglio medico.